Home  > Suoni dal Mediterraneo XIII edizione - Il canto popolare  > I concerti  > Sezione: Tradizione e riproposta

Venerdì 30 settembre - Ore 21,00


Palazzo Ducale

ROSAS E CANÇÕES” 

Il Fado portoghese e la  Morna di Capoverde

Loredana Perrini: voce - Domenico Mezzina: chitarra
Carlo Porfido: violino - Michele Lusito: percussioni

 

Circoscrivere il Fado è arduo, quasi quanto definire la saudade. Che ne dite di: “Canzoni di intense e struggenti passioni cariche dell'emotività dei popolani dei quartieri più umili di Lisbona”? Alla base del repertorio proposto dai Rosas e Canções c’è la ricerca dei tanti rivoli che hanno arricchito la musica portoghese e il Fado. Si partirà da quello classico e intramontabile di Amalia Rodrigues, fino ad arrivare alla più contemporanea musica di interpreti come Dulce Pontes e Mariza, citando anche la vicina "Morna " di Capoverde, conosciuta attraverso i brani di Cesaria Evora. La voce del gruppo, Loredana Perrini, già Quartetto vocale Faraualla, ha accumulato moltissime collaborazioni con i seguenti artisti: Lucilla Galeazzi, Andrea Parodi, Antonella Ruggiero, Paola Turci, Noa, Piero Pelù, Peppe Servillo, Maria Pia De Vito e Rita Marcotulli.


Sabato 1 ottobre - Ore 21,00


Auditorium Paola Chicco

DAMADAKA'

La tammurriata giuglianese e i canti polivocali della Campania       



Michele Arpa: voce e castagnette - Daniele Barone: chitarra classica, chitarra battente, tamburi a cornice - Dario Barone: tamburi a cornice, marranzani, lira calabrese, flauti e voce - Margaret Ianuario: voce, tamburi a cornice, ciaramella, sisco e danza - Giovanni Saviello: voce, tamburi a cornice, fisarmonica e organetto - Marianna Velotto: danza

La loro formazione proviene direttamente dalla scuola degli anziani, apprendendo le forme di suono, canto e ballo durante i rituali e le feste religiose. La giuglianese o ballo sul tamburo di Giugliano è una danza tradizionale, tuttora viva, che ha un ritmo ed una potenza unica tra tutte le tammurriate campane. Nel rispetto delle loro origini e della loro identità i Damadakà propongono una nuova interpretazione di quest'antica musica senza tradirne l'essenza, riaffermando la fondamentale importanza della parola cantata.