home page
 
     
 

Festival Suoni Dal Mediterraneo
Sesta Edizione (2003)

L'arte dell'improvvisazione nella cultura orale

Rassegna stampa

“Dal 1998 ‘Suoni dal Mediterraneo’ offre i tratti musicali di una terra  privilegiando spesso i depositari di una tradizione musicale che è appresa oralmente.
Svincolandosi dall’idea della mera spettacolarizzazione, il Festival propone anche il concerto lezione: non un prodotto da palco, ma un’occasione per informare, creare un rapporto tra musica e cultura d’appartenenza dei gruppi”.

Ciro De Rosa, WORLD MUSIC MAGAZINE, n.64, gennaio-febbraio 
 


“Pizzica, ritmi balcanici e un violino terapeutico per scacciare la tarantola (…). Non solo musica da ballare, ma da esplorare. Scandagliandone con assoluto rigore filologico le ragioni culturali e, nel profilo etnomusicologico, le trame più oscure. E’ la scommessa di ‘Suoni dal Mediterraneo’ (…). La sesta edizione del festival di musica etnica ideata e curata artisticamente dall’etnomusicologo Ruggiero Inchingolo cerca di guardare lontano e di non proporsi come solo obiettivo quello di fare ‘intrattenimento’ con una sfilza di concerti di musica etnica. Scontata la saturazione di pizziche e affini, ‘Suoni dal Mediterraneo’ nel segno dello sguardo dell’intercultura scaverà gli aspetti improvvisativi della pizzica tarantata delle origini, ma anche i legami che uniscono meditazione e improvvisazione nell’architettura della musica indiana.”

Antonio Di Giacomo, LA REPUBBLICA, 3 settembre, 2003



“L’edizione del 2003 si innesta sulla educazione interculturale, presupposto che vuole favorire una migliore comprensione tra gruppi etnici che interagiscono attraverso il linguaggio unificante della musica (…). Il Festival quest’anno è dedicato alla memoria di Roberto Leydi, autorevole etnomusicologo, docente all’Università di Bologna, scomparso nel febbraio scorso (…).”

LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO, 2 settembre 2003



“Sarà ‘l’arte dell’improvvisazione nella cultura orale’ il tema conduttore della sesta edizione di ‘Suoni dal Mediterraneo’. Nel corso delle precedenti edizioni il Festival ha raccolto una notevole escalation di pubblico (circa 5 mila presenze lo scorso anno), fino a diventare un punto di riferimento culturale per il territorio.”

LA GAZZETTA DELL’ECONOMIA, Settegiorni, 5 settembre 2003

 

[Indietro]

 
     

Testi e ricerche etnomusicologiche: Ruggiero Inchingolo

Copyright ©1998-2007 Suoni dal mediterraneo - Tutti i diritti riservati

info@suonidalmediterraneo.it

Sito realizzato da: espertoweb