home page
 
     
 

Festival Suoni Dal Mediterraneo
Prima Edizione (1998)

Culture popolari dell'Italia meridionale

Presentazione

In un panorama di formidabile riscoperta storico-culturale-ambientale del nostro territorio nasce la mia proposta, con l'intento di integrarsi in questo caleidoscopico macroevento  che mira alla valorizzazione delle nostre risorse naturali, artistico-culturali, e soprattutto ambientali.

Sulla base di tali presupposti si sviluppa il progetto “Suoni dal Mediterraneo” che mira alla realizzazione di un Festival musicale da svolgersi nel centro storico, nel quale i suoni, la musica e le costruzioni antiche dei nostri antenati si fondono efficacemente per ricreare una dimensione spazio-temporale unica e suggestiva.

E' mia convinzione, per averlo già sperimentato, che in questi luoghi il connubio tra l'autentica arcaicità dei pregi architettonici e la coreografica presenza di musicisti, strumenti tradizionali e suoni di provenienza ancestrale, è veramente sorprendente, e potrebbe collocare il festival tra i più freschi e originali della nostra città. I motivi che mi hanno indotto alla realizzazione di questa iniziativa, non nascono per assecondare una moda emergente o per un semplice desiderio di evasione dalla routine quotidiana, ma derivano dal bisogno ansioso di far conoscere la preziosità delle culture musicali di tradizione popolare del nostro meridione.

Ascoltare i canti gutturali dei tenores sardi o il ritmo trascinante dei tamburelli salentini e campani significa approfondire la conoscenza non solo di quei canti, ma di tutto quello che i canti manifestano: emozioni, sentimenti, comportamenti, usanze, riti e tradizioni che identificano la cultura del nostro popolo.  

La prima edizione di " Suoni dal Mediterraneo " vuole essere una rassegna nata con l'intento di esplorare dapprima il contesto geografico del mediterraneo italiano, ponendo al centro della sua ricerca esperienze e universi timbrici e sonori apparentati con altre aree geografiche straniere, ma sempre appartenenti alla nostra penisola. Infatti, parallelamente ai concerti verrà allestita una mostra dedicata agli strumenti musicali tradizionali di varie zone geografiche.

Attraverso dei seminari verranno illustrati al pubblico le caratteristiche morfologiche dei vari strumenti, gli stili, i passi caratteristici di alcune danze e le modalità esecutive di alcuni repertori. Gli artisti presenti in questa edizione sono numerosi e rappresentativi di un universo musicale compreso fra la musica di tradizione, le musiche definite di  "confine" e le musiche di riproposta del repertorio tradizionale.

Le tre giornate del festival, comprensive di seminari, stage sulle danze popolari e mostre di strumenti musicali della tradizione, si svolgeranno in luoghi diversificati del centro storico.

Ruggiero Inchingolo
Il Direttore artistico

[Indietro]

 
     

Testi e ricerche etnomusicologiche: Ruggiero Inchingolo

Copyright ©1998-2007 Suoni dal mediterraneo - Tutti i diritti riservati

info@suonidalmediterraneo.it

Sito realizzato da: espertoweb